Analisi Legionella

Analisi Legionella

Le legionelle sono presenti negli ambienti acquatici naturali e artificiali: acque sorgive, comprese quelle termali, fiumi, laghi, fanghi, ecc. Da questi ambienti esse raggiungono quelli artificiali come condotte cittadine e impianti idrici degli edifici, quali serbatoi, tubature, fontane e piscine, che possono agire come amplificatori e disseminatori del microrganismo, creando una potenziale situazione di rischio per la salute umana.

Analisi Legionella Lecce e provincia, Analisi Legionella Lecce e provincia, Analisi Legionella Lecce e provincia, Analisi Legionella Lecce e provincia,

Fonti di infezione, modalità di trasmissione e fattori di rischio

La legionellosi viene normalmente acquisita per via respiratoria mediante inalazione, aspirazione o microaspirazione di aerosol contenente Legionella, oppure di particelle derivate per essiccamento. Le goccioline si possono formare sia spruzzando l‟acqua che facendo gorgogliare aria in essa, o per impatto su superfici solide.

Mentre la maggior parte dei primi casi di legionellosi sono stati attribuiti a particelle di acqua aerodisperse, contenenti batteri provenienti da torri di raffreddamento o condensatori evaporativi o sezioni di umidificazione delle unità di trattamento dell’aria, successivamente, numerose infezioni sono risultate causate anche dalla contaminazione di impianti di acqua potabile, apparecchi sanitari, fontane e umidificatori ultrasonici.

Eventi epidemici verificatisi in vari Paesi, che hanno riguardato frequentatori di fiere ed esposizioni nelle quali si sono create condizioni di rischio di infezione da sistemi generanti aerosol (piscine e vasche idromassaggio, esposte a fini dimostrativi, e fontane decorative), suggeriscono l’opportunità di considerare anche queste manifestazioni nell’anamnesi dei casi e nell’indagine epidemiologica.

Analisi Legionella Lecce e provincia, Analisi Legionella Lecce e provincia, Analisi Legionella Lecce e provincia, Analisi Legionella Lecce e provincia,

Ricerca di Legionella in campioni di provenienza ambientale

Campionamento
Il campionamento deve essere effettuato prima che venga attuato un qualunque intervento di disinfezione o pratica preventiva (pulizia e/o disinfezione con qualunque metodo) oppure a distanza di un tempo congruo dalla sua esecuzione (rif. dopo circa 48 ore dall‟avvenuta messa a regime dell‟impianto post intervento).
E’ opportuno che il numero di campioni sia proporzionato alle dimensioni dell‟impianto.

Per ciascun impianto di acqua calda sanitaria devono essere effettuati almeno i seguenti prelievi:
 mandata (oppure dal rubinetto più vicino al serbatoio/i
 ricircolo
 fondo serbatoio/i
 almeno 3 punti rappresentativi (ovvero i più lontani nella distribuzione idrica e i più freddi)
Per ciascun impianto di acqua fredda devono essere effettuati almeno i seguenti prelievi:
 fondo serbatoio/i
 almeno 2 in punti rappresentativi (ovvero il più lontano nella distribuzione idrica ed il più caldo).

Analisi Legionella Lecce e provincia, Analisi Legionella Lecce e provincia, Analisi Legionella Lecce e provincia, Analisi Legionella Lecce e provincia,

In virtù del decreto 79/CSR/2015 corre l’obbligo di procedere alla valutazione del rischio legato all’infezione da legionella con conseguente obbligo di elaborare il relativo documento ai fini dell’autocontrollo per le seguenti tipologie di attività:

  • Vasche idromassaggio
  • strutture ad uso collettivo (impianti sportivi e ludici, palestre, centri commerciali, fiere, esposizioni, centri benessere, etc.
  • stabilimenti termali
  • strutture nosocomiali/sanitarie.
  • Impianti idro-sanitari
  • Impianti aeraulici
  • Sistemi di umidificazione
  • Batterie di scambio termico
  • Settore odontoiatrico
Analisi Legionella Lecce e provincia, Analisi Legionella Lecce e provincia, Analisi Legionella Lecce e provincia, Analisi Legionella Lecce e provincia,

Il rischio per altre categorie di lavoratori

In letteratura sono riportati casi di legionellosi verificatisi tra lavoratori delle seguenti categorie:
 Vigili del fuoco e altri operatori del soccorso pubblico e della difesa civile;
 Movimentatori di terra, minatori;
 Lavoratori dell‟industria automobilistica;
 Personale addetto alle operazioni di manutenzione/pulizia delle torri evaporative(Buehler et al., 1985) e degli impianti di distribuzione /trattamento acqua sanitaria;
 Addetti alle piattaforme di trivellazione (Pastoris et al., 1987);
 Addetti agli impianti di depurazione;
 Addetti alla pulizia di turbine nel settore industriale;
 Giardinieri (Den Boer et al., 2007; Patten et al., 2010; Stojek and Dutkiewicz, 2002);
 Personale addetto alla vendita/manutenzione di vasche per idromassaggio;
 Operatori ecologici durante la pulizia delle strade con acqua a pressione;
 Lavoratori delle cave di marmo (durante le operazioni di taglio del marmo con acqua);
 Addetti alla pulizia negli autolavaggi;
Anche sulla base di questa considerazione ciascun Datore di lavoro, secondo quanto previsto dal D. Lgs 81/2008 e successive modifiche ha l‟obbligo di considerare che il rischio di legionellosi può riguardare sia i propri lavoratori che coloro che frequentano ciascun sito di sua responsabilità e pertanto si ribadisce l‟obbligo di effettuare una valutazione del rischio (revisionandola almeno ogni 3 anni, salvo disposizioni più restrittive), così da mettere in atto
tutte le misure di prevenzione e controllo descritte nei paragrafi precedenti, non solamente in risposta ad un caso di legionellosi, ma prima che questo si verifichi, quale prevenzione del rischio.

Analisi Legionella Lecce e provincia, Analisi Legionella Lecce e provincia, Analisi Legionella Lecce e provincia, Analisi Legionella Lecce e provincia,

Fonte: Ministero della Salute


Leave a Reply

Richiedi un preventivo